I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

Articolo di Anita volontaria in servizio civile in Zambia

Sebbene prima di partire per lo Zambia mi era stato detto: “Procurati delle torce perché succede spesso che l’elettricità vada via anche per ore!”, non avevo ancora idea a cosa stavo andando incontro.

Il sistema energetico zambiano si basa esclusivamente sull’energia idroelettrica, in particolare sulla diga Kariba situata al Sud del paese. Non è di certo un segreto che il livello di acqua, in seguito alle scarse precipitazioni degli ultimi due anni, è sempre inferiore e non garantisce il fabbisogno energetico del paese. Non avendo nessuna conoscenza dell’ambito energetico non mi è chiaro il perché il governo non investa in altri tipi di energia come quella solare o eolica derivanti da fonti che di certo in Africa subsahariana non mancano. In ogni caso la risposta delle istituzioni in merito al problema è di certo inconsistente.

La forte siccità si è fatta sentire dall’inizio di giugno. La Zesco, la società elettrica statale zambiana, ha messo in piedi un programma per razionare l’energia elettrica togliendo per 4 ore al giorno la luce in tutto il paese. Tuttavia, col passare dei mesi la situazione non è di certo migliorata, visto che la stagione delle piogge inizia solitamente non prima di novembre.

Le ore di load shedding, ovvero di interruzione dell’energia elettrica, sono aumentate in modo sproporzionato arrivando fino a 12 ore al giorno. Ovviamente non tutte le zone sono egualmente colpite, alcuni quartieri di Lusaka hanno il privilegio di non essere mai al buio o solo qualche ora al giorno, mentre altre, solitamente quelle più povere come il compound di Kanyama, sono soggette a tagli di corrente che possono durare anche più di 48 ore.

La questione sta provocando disagi non solo nelle abitudini quotidiane della gente, sta anche portando a difficoltà economiche sempre maggiori, colpendo in particolare le fasce più vulnerabili. Si pensi a chi possiede piccoli alimentari o alle piccole aziende che non possono permettersi di comprare un generatore. Mercy, la mamma di Peter un bambino con paralisi celebrale sostenuto da L’Africa Chiama, ci ha raccontato che è molto difficile per lei riuscire a guadagnare qualcosa in questo periodo visto che la sua principale attività è quella di vendere bevande fresche al mercato che è solita refrigerare nel suo frigo di casa.

Sebbene il Ministro dell’Energia ha garantito che, seguendo il programma di 12 ore di load shedding, l’energia elettrica sarà garantita fino a fine dicembre, nella realtà lo Zambia rimane al buio in attesa delle prossime piogge. 

Anita Romagnoli, volontaria in Africa (servizio civile in Zambia)


 Per approfondire la situazione, consigliamo l'articolo:  Lo zambesi senza acqua.

Articoli di Anita dallo Zambia:

LA BELLEZZA DELLE PICCOLE COSE

CHI PIANTA UN ALBERO PIANTA SPERANZA

LA DELICATEZZA DI CAROL

STOP THE VIOLENCE

SERVIZIO CIVILE CON L'AFRICA CHIAMA

Ultime Notizie

21.274

bambini raggiunti in Kenya, Tanzania e Zambia.

516.430

totale dei beneficiari diretti e indiretti.

87,83%

percentuale dei fondi raccolti destinati ai progetti in Africa e in Italia.

Guarda i nostri video


LO ZAMBIA, UNA NAZIONE AL BUIOLO ZAMBIA, UNA NAZIONE AL BUIOLO ZAMBIA, UNA NAZIONE AL BUIO

LO ZAMBIA, UNA NAZIONE AL BUIOLO ZAMBIA, UNA NAZIONE AL BUIOLO ZAMBIA, UNA NAZIONE AL BUIO

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.