I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

Articolo di Giulio volontario in servizio civile (Zambia)

Beatrice e Giulio nella scuola Shalom E' passato poco più di un mese da quando io e Beatrice abbiamo iniziato il nostro servizio civile qui a Lusaka. Ogni giorno attraversiamo il quartiere Kanyama e ci rechiamo alla Shalom School

Qui abbiamo fatto un breve periodo di formazione al fine di conoscere bene il progetto, lo staff, ma anche la cultura e le tradizioni zambiane. Il progetto è ben strutturato, ci sono diverse realtà: la scuola, la clinica, la fisioterapia, l'orto, oltre a diverse collaborazioni con associazioni partner che operano sul territorio.

Noi siamo stati accolti benissimo e piano, piano ci stiamo ambientando; abbiamo già iniziato a dare il nostro contributo, siamo infatti stati impegnati nell'organizzazione di due eventi molti importanti: la giornata dell'HIV e quella della disabilità.

lo staff del centro Shalom in ZambiaNel primo caso, in occasione della giornata mondiale della lotta contro l'HIV, abbiamo cercato di sensibilizzare e informare la comunità riguardo questa terribile malattia. Sono stati offerti molti test gratuiti, oltre ad un servizio di supporto psicologico pre e post test; oltre a ciò sono abbiamo appunto preparato e distribuito parecchio materiale informativo.

La giornata della disabilità è invece coincisa con l'ultimo giorno di scuola ed è stata una bella occasione per fare festa insieme agli alunni, in particolare quelli delle classi speciali. Anche in questa occasione abbiamo cercato di sensibilizzare i genitori e le persone presenti attraverso diverse testimonianze. Tra un intervento e l'altro i ragazzi delle classi speciali hanno cantato, ballato e portato in scena degli sketch sul tema della disabilità; in tutti i casi il messaggio di fondo era questo: “disabilità non significa inabilità”. E' stata davvero una bella giornata, i ragazzi erano molto contenti e tutti sorridevano.

La nostra esperienza qui è appena incominciata, ma siamo già molto felici visto l'inizio positivo; siamo molto fiduciosi, pieni d'energia e pronti ad immergerci totalmente in questa bellissima realtà.

Giulio volontario in servizio civile (Zambia)

Leggi Anche:

Il primo mese in Zambia di Beatrice

Il racconto di Domenico dalla baraccopoli di Soweto

Servizio Civile con l'Africa Chiama

Corso di Preparazione al Volontariato in Africa

 

Guarda i nostri video


L’africachiamaL’africachiamaL’africachiama

L’africachiamaL’africachiamaL’africachiama

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.