I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. I cookie presenti in questo sito sono esclusivamente di tipo tecnico e non profilano in alcun modo il comportamento dell’utente. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Informativa Cookie.

L'AFRICA CHIAMA ONLUS ONG - Via Giustizia , 6/D - 61032 Fano (PU)

Tel. e fax 0721.865159

CAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIA

Articolo di Lara volontaria in servizio civile in Zambia

Il tema del cambiamento climatico è uno dei topic più caldi del momento a livello internazionale.

Grazie alla fresca voce di Greta Thunberg, il mondo inizia a vedere e a prendere coscienza di un fenomeno presente, e sottovalutato, da ormai diversi anni.

In questo ultimo periodo mi sono fermata a pensare a quanto mi sembri chiaro, adesso, come il mondo “sviluppato” da cui vengo sia staccato e poco in sintonia con la natura che lo circonda. Conosciamo il problema del Climate Change perché ne abbiamo sentito parlare, ci hanno parlato delle cause e degli effetti, ma tendenzialmente le massime osservazioni concrete di cui siamo stati capaci sono state delle banali: “Non esistono più le mezze stagioni” o “Ormai nevica ogni anno, una volta non era così, e dov’è allora questo surriscaldamento globale?”

Qui in Zambia la sensazione è totalmente stravolta. Non si parla di statistiche, di gradi, di previsioni; si parla di rapporto con la natura che è vita e casa per l’uomo. Ogni persona con cui abbia avuto l’opportunità di scambiare due parole sul tema, è a conoscenza del fenomeno e degli impatti negativi che sta avendo sul territorio e sull’uomo. Il cambiamento climatico si vede infatti dalle piogge che tardano a tornare e sono sempre più scarse, si vede dall’importante siccità che caratterizza ogni stagione secca e dalla mancanza di cibo per uomini ed animali.

In alcune province Zambiane il cibo è terminato; l’ultimo raccolto è stato uno dei più scarsi degli ultimi decenni e sebbene il governo non abbia ancora dichiarato lo stato d’emergenza, sono diversi gli stati Africani confinanti con lo Zambia, a dover affrontare lo stesso problema (Zimbabwe, Malawi, Namibia e Angola hanno infatti già dichiarato lo stato d’emergenza).

A livello nazionale si è consapevoli della scarsità di risorse da poter mettere in atto per far fronte all’impatto del cambiamento climatico (lo Zambia fa infatti parte delle Least Developed Countries: le nazioni con indice di sviluppo più basso); per questo motivo il governo ha aderito alle iniziative delle Nazioni Unite su tale tema ed è stato redatto il National Adaptation Programme of Action (NAPA) per far fronte a tale fenomeno.

È forte la speranza che questo programma non rimanga soltanto sulla carta, ma possa trovare efficacia a livello concreto. È forte anche il desiderio che tutto il mondo possa sentirsi unito in questa presa di coscienza: non si possono più chiudere gli occhi e guardare dall’altra parte, siamo tutti parte di uno stesso pianeta in difficoltà.

Lara Leonardi, volontaria in servizio civile in Zambia

Articoli di Lara dallo Zambia:

Il racconto di Lara volontaria in servizio civile in Africa

CRESCERE NELLE DIFFERENZE

Nuovi Orizzonti

A LUSAKA UN PROGRAMMA PER I GIOVANI CON DISABILITA’

Breaking the stigma on disability. La disabilità in Zambia

SERVIZIO CIVILE CON L'AFRICA CHIAMA

NON PUO' LASCIARTI INDIFFERENTE

Guarda i nostri video


CAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIACAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIACAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIA

CAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIACAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIACAMBIAMENTO CLIMATICO IN ZAMBIA

Seguici su Facebook

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative eprogetti.